© 2015 by Partito Democratico Circolo di Omegna Cusio. Proudly created with Wix.com

A Omegna un Bilancio di svolta: come promesso si è alleviato il carico fiscale e investito sulla città.

June 17, 2015

 

 

 

 

 

 

Il Consiglio Comunale di Omegna ha approvato, nella seduta del 19 giugno, il Bilancio di Previsione 2015, il Pluriennale per gli esercizi 2015 – 2016 – 2017 e la collegata Relazione Previsionale Programmatica con i relativi allegati.

 

Introdotto e presentato dal Sindaco Maria Adelaide Mellano, dall’assessore al Bilancio Pier Andrea Arena e dall’assessore Francesco Pesce per la parte investimenti, è un bilancio che pareggia sulla cifra di € 23.004.995,73.

 

E’ finalmente, come hanno sottolineato tutti gli intervenuti, ma in particolare il Sindaco e l’assessore Arena nella sua eccellente relazione, circostanziata ma anche “politica” per le valutazioni fatte, ben oltre i gretti numeri, un bilancio di svolta, il primo vero bilancio dell’amministrazione Mellano, in cui si impostano strategie di sviluppo per la città e si danno segnali positivi, seppur piccoli, anche in controtendenza al livello nazionale, ai cittadini.

 

In sintesi, grazie alla combinazione felice di un ottimo avanzo di amministrazione (€ 1.579.173,05), maturato al termine di un’azione risanatrice delle casse comunali, iniziata due anni fa con il precedente assessore Gian Piero Bellardi e continuata, con competenza e lungimiranza, dall’attuale Arena, e di una serie di mutui andati ad estinzione, con questo bilancio è stato possibile diminuire alcune aliquote delle imposte e tasse comunali, in pagamento proprio in questi giorni, ed impostare un concreto piano di investimenti urgenti o innovativi in molti settori della città.

 

L’aliquota TASI prima casa diminuisce del 0,2 per mille (da 2,9 a 2,7 per mille, la TASI altri fabbricati scende del 0,4 per mille (da 2,9 a 2,5 per mille), l’IMU scende dello 0,1 per mille (dal 7,9 a 7,8 per mille) e la TARI cala del 2,4%.

 

Fra gli investimenti, fra i tanti, ricordiamo l’opportunità di accendere muti per 933mila euro, che verranno investiti, ad esempio, sul cimitero di Omegna (160.000 euro), per la manutenzione delle strade (100.000 euro), per la sistemazione del lungo lago ovest (140.000 euro), per la partecipazione alla realizzazione del Progetto Emblematico “Borgo della Comunità (400.000 euro), mentre l’utilizzo di risorse proprie comunali servirà per l’allargamento del parcheggio sul Piazzale Stazione (140.000 euro) e quanto derivante da oneri e sanzioni verrà utilizzato per interventi vincolati, come quelli provenienti dal demanio lacuale.

 

E’ previsto anche un concorso di progettazione per Piazza F. M. Feltrami, la più importante delle piazze cittadine, ma anche quella più in pessimo stato.

 

E’ evidente, anche solo con questi pochissimi esempi, dell’importanza di questo bilancio, primo vero bilancio di progetto, di ridisegno della città dell’amministrazione in carica. A fronte di tutto ciò si è assistito ad un dibattito povero e debole, anche squallido talvolta, in molti casi ancora proiettato al passato, a diatribe ormai stantie, da parte soprattutto della minoranza che, su tutti i punti collegati al bilancio e precedenti il voto finale è riuscita a votare in modo schizofrenico, un po’ contro, un po’ a favore, a volte astenendosi, sempre con motivazioni risibili : i consiglieri Strada (Lega Nord) e Spadaccini (Forza Italia), ad esempio, sono riusciti a votare contro il consueto utilizzo dei fondi derivanti dagli oneri di urbanizzazione per gli edifici di culto, con un contributo di 5.000 (sic !) euro alla Parrocchia di sant’Ambrogio, sostenendo che erano troppi perché la Parrocchia partecipa già al progetto emblematico “Borgo della Comunità” e quindi andavano concessi ad altre parrocchie cittadine, ignorando, o fingendo di ignorare, che Sant’Ambrogio è l’unica che ha fatto richiesta di questo tradizionale contributo, mai ricevuto negli anni precedenti! E mentre la maggioranza votava compatta in modo favorevole ad ogni punto, l’opposizione si perdeva dietro vecchie polemiche e questioni, pur degne ed interessanti, ma circoscritte nel contesto più ampio del bilancio 2015, dalla scomparsa della pista d’atletica al campo sportivo alla ritardata riconferma del gruppo di lavoro sulla verifica delle barriere architettoniche.

 

Alla fine il Bilancio di Previsione 2015, nel suo complesso è stato approvato con 10 voti a favore (Partito Democratico – Lista Civica NCS – Federazione della Sinistra) e 4 contro (Lega Nord – Forza Italia – Fratelli d’Italia – Lista Civica), a sancire la differenza tra chi è proiettato verso un futuro positivo per Omegna con una visione di ammodernamento e innovazione e chi è fermo al palo delle recriminazioni ormai superate e fini a se stesse, senza slanci nel domani.

 

Rosa Rita Varallo

Capogruppo PD presso il Consiglio Comunale di OMEGNA

 

Please reload

Perchè vogliamo essere un forza politica aperta all'intera società civile, fatta da tante anime diverse unite da valori comuni, che si confrontano democraticamente e che sono capaci di darsi un efficace punto di sintesi per il Bene Comune dei Cittadini.

Social Network
Link 
Perchè Plurale ?
Partito Democratico sito provinciale
Facebook
Twitter
Partito Democratico sito nazionale